Porca l’oca – Deo gratias

“Porca l’oca”, sono trascorsi tre anni!
Alla mia età (nello ‘status’ di venerando invecchiamento naturale) non è cosa da poco se, come dice Totò, è la somma che dà il totale!!!
Ma tant’è!
“Deo gratias”, comunque, non solo perché Iddio ci conserva: Deo gratias soprattutto perché questo bel Sodalizio (ADSeT) è cresciuto col vento in poppa, e soprattutto è cresciuto qualitativamente nella sua vocazione culturale e nella sua non comune capacità di aggregazione.
     Ma non si cresce “ad usum boletorum”, ovvero spontaneamente come i funghi (tanto cari al nostro Angelo Miceli dal punto di vista micologico, non meno cari a tanti altri di noi dal punto di …’gusto’ mangereccio), infatti un sodalizio cresce solo su propulsione ‘certosina’, pedante (nel senso migliore e positivo del termine) e scrupolosa di Qualcuno; questo qualcuno nella fattispecie è stato Angelo Miceli, Angelo che - per sua ammissione - è stato supportato e coadiuvato generosamente dai Soci tutti, dai soci Fondatori e dal Direttivo emerito, e certamente non si è trattato di un apporto secondario, ma tuttavia senza lo zelo, l’insistenza, il sollecito continuo nella ricerca degli uomini e delle situazioni di Angelo non si sarebbe arrivati a quegli invidiabili risultati a cui l’Associazione  è pervenuta nei tre anni.
     A proposito dei Soci Fondatori va messo in luce quanto tre di loro, non più presenti in direttivo subentrante - e comunque sempre attivi e protagonisti in avvenire quali Fondatori - abbiano dato generosamente alla associazione: Nino Olivo, Antonella Mauceri e Rosi Crupi, i quali hanno ceduto il passo a nuova immissione di forze in avvicendamento generazionale: Pina Germanò, Giovanna Messina e Nancy Messina.
     Appena prima che venisse dichiarata chiusa l’attività assembleare, Claudio Stazzone ha chiesto la parola per rivolgere a nome dell’assemblea tutta un riconoscente grazie ai tre soci che cavallerescamente e generosamente hanno ceduto il passo alla rappresentanza in direttivo ai subentranti: e cioè a Nino Olivo, Antonella Mauceri e Rosi Crupi, i quali sono stati elementi di particolare spicco nella decorsa attività allo stesso modo di come certamente lo saranno i neo-immessi. 
 
     E poiché ci si riuniva finalizzatamente e non occasionalmente - nel giorno dedicato a San Lucio e  San Casimiro, il 4 marzo, 2017, non tanto in devoto omaggio ad essi (con tutta la riverenza oggettivamente dovuta Loro), quanto per il fatto che … “tutti i salmi finiscono in  gloria …” -  … un bel convivio a banchetto non poteva non starci (prego non sbavarsi a rammentare!): “Gnocco di cous cous con cuore di ricotta e salsiccia su vellutata di zucca rossa; Strozzapreti con crema di broccoli noci e fonduta di formaggio; Involtini alla siciliana con contorno di patata al cartoccio; Cremino alla gianduia con ganache ai frutti di bosco; ‘Innaffio’ a base di acqua mix, vino rosso nero d’avola, spumante extra dry barlume e  caffé a fine pasto; e tanto sia detto e  affidato in memoria per la gloria di Docenti e Discenti Operatori di cucina dell’Istituto ‘Antonello’, presenti inoltre  come servizio di accoglienza, a cui va sempre il  meritato plauso ed il grazie riconoscente.
 
     Ma il pre-pasto della giornata non è stato di minore coinvolgimento partecipativo: il presidente uscente Miceli ha invitato l’assemblea, riunita in seconda convocazione, a designare i ‘Gestori’ della mattinata; conseguentemente per acclamazione Gustavo Ricevuto ha assunto la presidenza della seduta ordinaria, Franca Impala, Fano Gennaro e Gabriella Inzodda,  sono stati insediati al seggio elettorale, e Vittoria Iuzzolini, su invito del presidente ed acclamazione dell’assemblea, è stata incaricata quale segretaria.
     Il presidente Ricevuto ha dato il via ai lavori di relazione invitando l’uscente presidente Miceli a relazionare.
Angelo Miceli ha zelantemente richiamato l’intera attività svolta da ADSeT nel triennio, la prassi da seguire e seguita nella attuazione della attività in genere, ma soprattutto ha calorosamente indicato uno per uno la figura ed i riconoscimenti per ciascun elemento attivo che ha dato lustro alla Associazione, nonché lo stuolo dei candidati alla elezione del collegio dei revisori e del consiglio direttivo, ancora una volta uno per uno con dovizia di descrizione.
A chiusa, ha ridato la parola a Gustavo Ricevuto, il quale si è compiaciuto di tutto quanto in brillante affermazione il sodalizio ha costruito nei decorsi tre anni ed ha auspicato che i tre anni a venire non siano da meno di essi, dichiarandosene certo quanto alla prospettiva in fieri.
Ricevuto ha dunque ceduto la parola a Mario Trupiano, perché desse contezza del bilancio.
Mario Trupiano ha quindi puntualmente e dettagliatamente illustrato il bilancio associativo (già fornito in visione a ciascun socio presente), e con legittimo orgoglio di socio e di amministratore ha messo in luce che esso si chiude in attivo, cosa non sempre facile da ottenere nei gruppi sodali.
     Le operazioni di voto hanno dato esito in numero di voti assegnati:
 
Revisori dei Conti:
Ricevuto Gustavo 41,
Zafarana Renato 20,
Tama' Giovanni 19,
Ilardo Leonarda 17
 
Consiglio Direttivo:
Miceli Angelo 51,
Trupiano Mario 46,
Grasso Antonino 31,
Stazzone Claudio 31,
Iuzzolini Vittoria 24,  
Germano’ Giuseppa 22,  
Messina Giovanna 20,
Di Benedetto Maria Ausilia 15,
Messina Nunziata 15,
Cassalia Pasquale 14,
Crupi Rosa 8,
Interdonato Enza 7 
 
Forti di questi esiti e di queste forze vive, tutte,  gridiamo alla voce: “Ad majora, ADSeT” 
 
Claudio Sergio Stazzone